Cosa è il PIS

E’ lo strumento di programmazione sociale e sanitaria della zona-distretto (così come definito dall'articolo 21 della Legge della Regione Toscana 40 del 2005 e s.m.i.), che ha l’obiettivo di influenzare per i prossimi 5 anni le politiche e le scelte di governo, non solo della Società della Salute grossetana, ma anche degli altri enti locali del territorio per migliorare le condizioni di vita della popolazione.
Ogni Zona socio sanitaria della regione Toscana deve dotarsi di un proprio  Pis, che si colloca all'interno delle linee guida, degli obiettivi e delle strategie dettate dal Piano sociale e sanitario integrato regionale (PSSIR),il documento che dovrà guidare le politiche sanitarie e sociali future.
Il Piano integrato di Salute si compone, in sostanza, di tre parti: il profilo di salute, un documento tecnico, elaborato da un gruppo di esperti, che raccoglie dati demografici, sociali, sanitari e ambientali di una determinata zona, l’immagine di salute, ovvero la percezione che di sé, del proprio stato di salute e del territorio in cui vivono hanno le persone, e gli ambiti di programmazione strategia, ovvero specifici progetti e obiettivi da raggiungere negli anni a venire sulla base delle esigenze espresse dal territorio.
Il PIS, prima di essere approvato dall'Assemblea dei soci della Società della Salute competente (composta dai sindaci dei Comuni consorziati e dal direttore generale della Asl) o dalla Conferenza zonale dei sindaci, deve essere presentato ai  Consiglio comunali.